Premio Paolo Consiglio 2024 a Francesco Ratti

Premio Paolo Consiglio 2024 a Francesco Ratti

Francesco Ratti, Alessandro Baù, Lorenzo D’Addario e Jerome Perruquet insieme per ricevere il premio intitolato all’alpinista e accademico del Club Alpino Italiano.

Il riconoscimento Paolo Consiglio è un premio assegnato ogni anno dal Club alpino accademico italiano (CAAI) alla spedizione “di carattere esplorativo o di elevato contenuto tecnico, organizzata da piccoli gruppi di alpinisti a prevalente composizione giovanile” che maggiormente si è distinta nell’anno precedente.

Quest’anno, durante l’Assemblea dei Delegati del Club Alpino Italiano riunitasi il 25 maggio a Assisi , il premio è stato vinto dalla spedizione alpinistica formata da Francesco Ratti, Alessandro Baù, Lorenzo D’Addario e Jerome Perruquet in India. Insieme alla spedizione di Ratti il premio è stato assegnato anche alla spedizione di Mirco Grasso e Giacomo Mauri in Pakistan.

La spedizione verso l’inviolata parete est della Neverseen Tower

L’inviolata parete est della Neverseen Tower è stata fin dall’inizio l’obiettivo principale della spedizione. Si tratta di una bellissima torre di granito alta 5800mt, un sogno per alpinisti alla ricerca dell’avventura in quota. Il team della spedizione ha passato due giorni su quel ghiacciaio acclimatandosi e studiando la parete per individuarne i punti deboli e la linea più logica.

Le condizioni climatiche si sono rivelate poi più difficili del previsto con neve in parete e i piani iniziali sono stati modificati per seguire una linea meno intasata da neve e ghiaccio. La soluzione del “rebus” di questa parete con la conquista della cima di questa bellissima montagna con l’apertura della via “Wind of Silence” ha segnato sicuramente l’apice della nostra spedizione” continua Francesco Ratti mostrando un’emozione forte e ancora viva sul volto.

Un bellissimo esempio di alpinismo dove quello che conta è la ricerca dell’ignoto, FOR THE UNKNOWN, come racconta sempre Francesco interpretando appieno lo spirito Millet.

Ti potrebbe interessare anche: Deuter Community Run con Florian Neuschwander

Keep Reading